"La carità non tiene conto dei torti."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica

Mercoledì, 18 Maggio 2016

Roma - Festa di San Luigi Orione al Centro Don Orione di Monte Mario

<16 maggio 2016: Festa Liturgica di San Luigi Orione. A Roma, nel Centro Don Orione di Monte Mario, tutta la Comunità si è raccolta per un momento di preghiera innanzi alla statua del santo che è al centro del grandioso complesso. Tutti gli ospiti del Centro: religiosi, sacerdoti, malati, operatori, ben rappresentati dal maestoso monumento, hanno coralmente espresso nella gioia fraterna e nella preghiera, il gaudio di essere sotto le ali di quella Divina Provvidenza che Don Orione ha voluto patrona della sua Istituzione. L'auspicio di tutti è stato che questa Festa Liturgica,  anche per il desiderio espresso dal vescovo Monsignor Gemma, il quale farà ufficiale domanda alla Santa Sede, è quello di estendere la festa di Don Orione al calendario universale della Chiesa, di modo che una figura tanto significativa e tanto vicina a noi, possa parlare, possa continuare a parlare a tutti coloro che l'accostano e ne avvertono in qualunque modo, soprattutto attraverso l'operato della sua istituzione caritativa, la celeste protezione e ogni benedizione>.
È proprio con le parole di Monsignor Andrea Gemma che inizia questa breve riflessione su questo giorno di grande festa e di preghiera; una giornata importante per l'intera Comunità e che - come ha ben sottolineato il Vescovo - possa far riflettere chi conosce san Luigi Orione, chi ha accettato e continua giorno dopo giorno a mettere in pratica i grandi insegnamenti del santo, ma soprattutto affinché la maestosità di questa grande figura possa essere estesa a tutti. <La Congregazione deve essere dinamica e non occorre essere tanti. Non ho mai sognato una Congregazione numerosa. Mai, mai. Non occorre il numero. Dove si è troppi non si lavora; dove si è troppi si perde tempo, si critica, si mormora e si fa qualche cosa che non è secondo lo spirito religioso> ed è proprio con le parole di Don Orione che si vuol sottolineare un aspetto cruciale: "Non è importante quantificare, ma è fondamentale qualificare".
Ieri, 16 maggio, religiosi, operatori del Centro e tutti coloro i quali vivono quotidianamente lo spirito orionino, si son riuniti alle ore 10.00 davanti alla statua del santo per un omaggio floreale, a quello che un tempo era un semplice prete e che oggi ricordiamo come un grande santo. Durante il corso della giornata hanno avuto luogo diverse messe. Affinché questo giorno non rappresenti una semplice formalità, ci si impegni sì a ricordare gli insegnamenti più grandi che San Luigi Orione ha trasmesso quando era in vita e ha continuato a trasmettere attraverso i suoi successori, ma con l'obiettivo che vengano messi in pratica ogni singolo giorno perché solo così: "La carità salverà il mondo".
Don Orione pretendeva e pretende anche oggi che l'intera Comunità resti sempre alla testa dei tempi. Ed è proprio per questo che non bisogna smarrire il cammino della conoscenza e della preghiera per non farsi abbindolare dai tanti peccati che quotidianamente assalgono l'animo umano. Bisogna, al contrario, riprendere l'Inferno dantesco e ripetere davanti allo specchio quelle fatidiche parole dell’Ulisse dantesco: “Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza".  E come Dante, bisogna vivere questo viaggio infernale qual è la routine di tutti i giorni, per poter raggiungere il Paradiso celeste, quello che Don Orione stesso è riuscito a conquistare attraverso le opere di misericordia. Don Orione ci insegna ad amare il prossimo, gli ultimi e i bisognosi; Don Orione ci insegna a credere nei giovani, ma soprattutto, Don Orione insegna a credere nella Divina Provvidenza e a pregare con diligenza quella che viene chiamata la Madre della Divina Provvidenza. La Comunità onora oggi questo santo attraverso la preghiera, con l'auspicio che si continui a essere pratici, senza mai perdere quello spirito che contraddistingue fin da sempre, l'intera Congregazione. Tenendo conto delle parole di San Luigi Orione: "E se voi mi chiedete quale è questa nota che ci deve differenziare da tutte le altre Congregazioni, vi dico che la è la "dinamite della carità".  Dobbiamo essere dinamici - e non marmotte - nella carità verso i più umili e più abbandonati dei nostri fratelli".

Gemma 16 maggio

Condividi su:

Cerca nel sito DOI

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica