"Avanti con Dio e con la S. Madonna! E ogni giorno sia come il primo."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

Giornata mondiale dei poveri

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 3 / Numero 1

Domenica, 02 Settembre 2018

Palermo - Preti di frontiera

Riportiamo un'intervista realizzata da Livesicilia, sulla vicenda della nave Diciotti;  tra gli altri interviene don Domenico Napoli, parroco orionino della Parrocchia Madre della Provvidenza.

"Ma che terra è questa che ha scambiato gli occupanti della Nave Diciotti per barbari invasori, indifferente al loro dolore? Ma che volto hanno certi impalpabili difensori di una patria immaginaria che, nell'inafferrabilità dei social, reclamano la sacra protezione dei confini, con una prova autarchica e muscolare sulla pelle dei disgraziati? Perché, davvero, la questione delle migrazioni è colossale: ma chi poteva pensare che si risolvesse, una volta per tutte, con una disfida all'ultimo tweet, mentre donne e bambini aspettavano lo sbarco a Catania?

Restiamo umani? Sarebbe già tanto, forse, non apparire troppo disumani. Siamo ancora un po' generosi, un po' solidali, un po' più sensibili di come le parole in calce ci descrivono? Alcuni sacerdoti palermitani, chiamati al capezzale del tempo, per via del loro impegno notissimo e della loro altrettanto risaputa sensibilità, provano a rispondere.

Inizia Don Cosimo Scordato, prete delle mille frontiere dall'Albergheria: “Io penso che questo paese sia un po' diverso da come, talvolta, si mostra. E' come se ci fossero due livelli. Uno umano in cui la gente è capace di solidarietà e uno politico. I problemi sono tantissimi e non dobbiamo semplificarli, convincendoci che ci sia una competizione e che non accogliere i migranti significhi dare più spazio agli italiani. Comunque, siamo decisamente migliori di quello che sembra”.

“La questione è chiara – dice Don Mimmo Napoli, parroco della nostra parrocchia orionina 'Madonna della Provvidenza', – se hai la fede, segui il Vangelo. Nessuno ti obbliga, ma se sei credente devi prenderti la responsabilità di testimoniarlo. L'ho ripetuto in una omelia. Gesù non si può equivocare: avevo fame e mi avete dato da mangiare, ero forestiero e mi avete accolto. Non ha detto: ero forestiero però... Registro un clima che si sta degradando, per via delle frasi che vengono propinate. C'è un egoismo che serpeggia anche nella comunità ecclesiale, ma chi pensa che non siamo tutti fratelli, non ha motivo di pregare con il Padre nostro”.

Non solo sacerdoti; pure Renzo Messina, della Comunità di Sant'Egidio, tocca la povertà quando con i suoi compagni di missione gira per le strade, con ogni tempo. Renzo è preoccupato: “Scorgo un paese impoverito nei suoi valori, terrorizzato da notizie gonfiate ad arte. Abbiamo smarrito il senso minimo dell'umanità, qualcosa ha cambiato il nostro sguardo. Ora, i poveri di casa nostra cominciano a ripetere lo slogan: prima gli italiani e qualcuno cerca di prevaricare i migranti. Viviamo un brutto momento”.

Don Maurizio Francoforte, parroco di Brancaccio, dolcemente sbotta: “Quale che sia la situazione, non si possono avanzare rivendicazioni sulla pelle degli altri, a prescindere dalla circostanza che siano giuste o sbagliate”.

Tuttavia, Don Maurizio ha un'esperienza di segno contrario da raccontare: “Ci chiesero di ospitare venticinque migranti. Dovevano restare un giorno che si allungò per ventotto giorni. Dopo qualche momento di iniziale diffidenza, nacque una bellissima intesa con la gente del quartiere. Ci furono pianti da una parte e dall'altra quando il soggiorno terminò. Ricordo una signora che non aveva niente, il marito era stato appena licenziato, eppure si presentò per regalare del sapone liquido: 'Almeno, padre, potranno lavarsi', mi disse”. Accadeva qualche anno fa. Chissà, oggi, come sarebbe la storia."

Fonte

Condividi su:

Cerca nel sito DOI

Giornata mondiale dei poveri

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 3 / Numero 1