"Felice l’uomo che rinuncia alla propria volontà e a tutte le cose per Gesù Cristo."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Giovedì, 04 Giugno 2015

Il pane eterno di vita per i più poveri

La festa del Corpus Domini è un’occasione per comprendere maggiormente il mistero grande dell’eucaristia e per adorare il corpo e il sangue del Signore, quel corpo che egli ha dato e quel sangue che ha versato per tutta l’umanità, avendola amata fino all’estremo. Don Orione ci ha lasciato parole preziose che possono guidare la nostra riflessione in questa festa: “Prima del pane materiale dobbiamo pensare a dare il pane eterno di vita che è l’Eucarestia”.

Scrive Enzo bianchi, priore della Comunità di Bose: “Il pane, questo cibo umile e semplice, ma che è il simbolo della vita, del cibo “necessario” per vivere: Gesù va proprio a questa realtà necessaria all’uomo, ma semplice e umile, per rivelare qualcosa di sé. Gesù dice che lui stesso è pane, un pane per la vita, un pane che non viene dagli uomini, che gli uomini non possono darsi, ma viene dal cielo, da Dio. “
Riportiamo una notizia uscita proprio in questi giorni, che richiama le parole di Don Orione: Papa Francesco, dopo aver pensato al pane materiale per i senzatetto di Roma, con le note iniziative delle docce sotto il colonnato di San Pietro e dell’invito a cena e visita alla Cappella Sistina, pensa anche al pane spirituale, pagando il viaggio a Torino per l’omaggio alla Sacra Sindone. «Questo volto sfigurato assomiglia a tanti volti di uomini e donne feriti da una vita non rispettosa della loro dignità», disse papa Francesco nel 2013, parlando della Sindone.
Clicca QUI per leggere l'articolo

 

Condividi su:

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3