"Vieni, o Madre, vieni a prenderti cura di noi e a custodire, a difendere i tuoi figli. E non ci abbandonare."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica

Giovedì, 04 Giugno 2015

Il pane eterno di vita per i più poveri

La festa del Corpus Domini è un’occasione per comprendere maggiormente il mistero grande dell’eucaristia e per adorare il corpo e il sangue del Signore, quel corpo che egli ha dato e quel sangue che ha versato per tutta l’umanità, avendola amata fino all’estremo. Don Orione ci ha lasciato parole preziose che possono guidare la nostra riflessione in questa festa: “Prima del pane materiale dobbiamo pensare a dare il pane eterno di vita che è l’Eucarestia”.

Scrive Enzo bianchi, priore della Comunità di Bose: “Il pane, questo cibo umile e semplice, ma che è il simbolo della vita, del cibo “necessario” per vivere: Gesù va proprio a questa realtà necessaria all’uomo, ma semplice e umile, per rivelare qualcosa di sé. Gesù dice che lui stesso è pane, un pane per la vita, un pane che non viene dagli uomini, che gli uomini non possono darsi, ma viene dal cielo, da Dio. “
Riportiamo una notizia uscita proprio in questi giorni, che richiama le parole di Don Orione: Papa Francesco, dopo aver pensato al pane materiale per i senzatetto di Roma, con le note iniziative delle docce sotto il colonnato di San Pietro e dell’invito a cena e visita alla Cappella Sistina, pensa anche al pane spirituale, pagando il viaggio a Torino per l’omaggio alla Sacra Sindone. «Questo volto sfigurato assomiglia a tanti volti di uomini e donne feriti da una vita non rispettosa della loro dignità», disse papa Francesco nel 2013, parlando della Sindone.
Clicca QUI per leggere l'articolo

 

Condividi su:

Cerca nel sito DOI

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica