"Iddio ama tutte le sue creature, ma la sua Provvidenza non può non prediligere i miseri, gli afflitti, gli orfani, gli infermi."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica

La Tempora dell'uva è la terza delle Quattro Tempora proposte dall'Azienda Agricola Meleretum del Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione di Santa Maria la Longa.

La festa sarà sabato 6 ottobre sul piazzale della Chiesa di Santa Maria la Longa. In questa festa l’attenzione è rivolta all'uva e ai suoi derivati e si festeggerà insieme tra musica, balli, stand enogastronomici e gli ottimi vini del territorio. L'azienda agricola Stocco e la distilleria NONINO sono sponsor dell'evento con stand ricchi di prodotti e disponibili per aperitivi, degustazioni e acquisti.

Sarà presente Stefano Montello con la sua musica che durante l'aperitivo filosofico targato NONINO tra i racconti sui vitigni del territorio attraverso i secoli (di Alessandro Groppo Conte) e le storie dell'uva e del vino nella bibbia a cura di Don Stefano Romanello. La musica e i balli dell'Orchestra Novanta accompagneranno per tutta la festa, a seguire poi Dj Lorenz per ballare fino a fine serata!

Durante tutta la festa vi saranno gli stand artigianali realizzati dal Piccolo Cottolengo friulano e gli stand delle aziende agricole sociali del territorio, vi sarà anche una piccola lotteria di beneficenza realizzata in collaborazione con ARSound Laboratorio Musicale el’ animazione per bambini con Max il Clown!

L’evento è promosso e realizzato dal Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione di Santa Maria la Longa.
Potete trovare maggiori dettagli sulla pagina Facebook QUI.

Condividi su:

Mercoledì, 26 Settembre 2018

Seregno - Un fine settimana super!

Un fine settimana allungato, ricco di uscite e attività per gli ospiti del Don Orione di Seregno.
Tutto comincia giovedì a pranzo quando un gruppo di nonni, accompagnati dalle animatrici e volontari, si sono recati alla pizzeria infinity giropizza di Seregno.
Pizza al prosciutto, ai wurstel, con le patatine, pere e zola e tante altre hanno girato per i tavoli, allietando il palato di tutti i presenti. Un pranzo ricco di allegria e voglia di stare insieme: oltre a mangiare delle buonissime pizze, i nonni hanno recitato poesie, cantato e ballato.

Venerdì, invece, i ragazzi sono andati alla “Fiera della creatività” di Mariano Comense.
I ragazzi hanno incontrato la signora Alessandra che, gratuitamente, ha fatto un piccolo corso di riciclo creativo per fare decorazioni di Natale!

Il week end si è concluso con l’esibizione nel salone ricreativo del coro “Tutti insieme appassionatamente”, che con le loro canzoni, accompagnati da simpatici sketch, hanno rallegrato tutti i presenti. Special guest: Angela e Filomena, le nonne canterine.

Tutti gli ospiti ringraziano di cuore i proprietari e i camerieri della pizzeria Infinity di Seregno che, come sempre, fanno sentire importante ognuno di loro, gli organizzatori e i gestori dei bar della fiera per la splendida accoglienza ricevuta ed infine un grazie di cuore agli amici del Coro che ogni volta regalano tante emozioni.

Condividi su:

Martedì, 25 Settembre 2018

Roma - Segretariato Missioni

Il 21-22 settembre si è realizzato a Roma il segretariato per le Missioni con la partecipazione di Don Michele Autuoro, direttore dell’Ufficio Missionario della Conferenza Episcopale Italiana.

“Qual è il ruolo di un segretariato o di un gruppo missionario?”. Si è chiesto Don Autuoro. “È quello di aiutare a scoprire che ognuno di noi è una missione su questa terra; ricordare a tutta la Chiesa che la sua natura è missionaria. ... Non è che la Chiesa fa la Missione, ma la Missione fa la Chiesa, dice alla Chiesa quello che è e che deve fare”. Richiamandosi a Papa Francesco ha ricordato, inoltre, che dobbiamo essere discepoli-missionari: in quanto discepoli siamo missionari. Solo così crescerà la passione per Gesù ed il Vangelo, che ci renderà contagiosi. Ha poi richiamato espressamente che è cosa molto buona darsi da fare per aiutare le missioni, ma non basta fare qualcosa… bisogna formarsi. Formarsi ed informarsi! Oggi più che mai ha ricordato quanto sia importante conoscere la realtà con obiettività, di fronte ad una informazione spesso distorta.

Nella seconda parte dell’intervento il direttore dell’Ufficio Missioni ha presentato il materiale dell’Ottobre missionario.
I lavori del Segretariato sono proseguiti con l’organizzazione interna delle attività: uno degli impegni del triennio sarà di fare incontri di area per far giungere gli input del segretariato a tutte le comunità tramite i referenti. Sono stati poi presentati i vari progetti a sostegno delle nostre missioni. Infine si è parlato del prossimo Convegno Missionario Provinciale che si terrà il 6-8 giugno prossimi.

Condividi su:

Lunedì, 24 Settembre 2018

Bergamo - Le immagini della festa

Più facile far parlare le immagini per descrivere l'atmosfera gioiosa vissuta al Centro Don Orione di Bergamo. Sabato scorso, infatti, c'è stata la giornata conclusiva dei festeggiamenti per il trentesimo anniversario dell'apertura del Centro, inaugurato il 17 aprile 1988.

Clima di festa e di famiglia, reso solenne dalla presenza del Vescovo, Monsignor Francesco Beschi, che ha descritto il Centro come un "segno dell'abbondanza di quell'amore che san Luigi Orione ha testimoniato e così poi tutti coloro che hanno seguito le sue tracce." Il Vescovo ha celebrato la santa messa nella cappella e poi ha visitato i reparti, accompagnato dal Direttore, Don Alessio Capelli.

Anche Bergamo TV ha dedicato un servizio a questa festa, con un'intervista al Vescovo, a Don Alessio e la testimonianza di alcune Signore e Signori che vivono lì. Clicca QUI per vedere il video.

Condividi su:

Lunedì, 24 Settembre 2018

Genova - Una formazione a 360 gradi

Domani, alle ore 10, Don Aurelio Fusi, direttore provinciale, apre le attività dell'anno pastorale 2018-2019 al Piccolo Cottolengo Genovese.

In particolare, nell'incontro diventato ormai tradizionale, Don Aurelio inaugura l'anno di formazione professionale e carismatica per tutti gli operatori. Il Provinciale presenterà il tema dell'anno, che riprende e amplia il tema dello scorso anno delle opere di misericordia: "Vivere con Don Orione: l’abitare e i cinque sensi».

In tutte le realtà della congregazione in Italia, gli operatori delle varie professionalità potranno approfondire il tema, grazie a dei sussidi elaborati dal Provinciale e dai suoi collaboratori. Inoltre, Don Giovanni Carollo, consigliere incaricato della pastorale delle case di carità, e Davide Gandini, segretario generale del Piccolo Cottolengo Genovese, visiteranno ogni realtà per fornire un supporto nella formazione carismatica.

Si tratta di un percorso che prosegue da molti anni, nella consapevolezza che il dono prezioso del carisma di Don Orione va coltivato e condiviso con tutti coloro che vivono e operano nelle sue Case.

Condividi su:

A volte basta poco, a volte basta pensare che quel poco per qualcuno può essere tanto.

Così, da una comune sensibilità verso i più poveri e gli emarginati, il Piccolo Cottolengo Friulano e l’ALVIUS, Associazione di Lavoro Volontario per Interventi Umanitari e di Sviluppo di Santa Maria la Longa di Udine, hanno inviato a Lezhe (Albania) le poltrone per il teatro dei bambini.

Il Piccolo Cottolengo e ALVIUS colloborano da diversi anni, in particolare nel progetto di volontariato all'interno del centro orionino.

La Provvidenza ricevuta tramite la presenza viva e attiva dei volontari insieme ai Signori del Centro si è fatta a sua volta Provvidenza, facendo così felici bambini ed adulti.

Condividi su:

Venerdì, 21 Settembre 2018

Bergamo - E festa sia

Sabato 22 settembre p.v. presso il Centro Don Orione di Bergamo si concludono i festeggiamenti del 30esimo anniversario dell'istituto.
La giornata inizierà con la Santa Messa delle ore 10.15 presieduta dal Vescovo di Bergamo Sua Eccellenza Reverendissima Monsignore Francesco Beschi, a seguire ci sarà un grande rinfresco per tutti i presenti per arrivare alla grande festa in giardino del pomeriggio ove saranno presenti majorette e banda musicale.

Condividi su:

Gli Ex Allievi dell’Istituto Mutilatini del Piccolo Cottolengo di Milano hanno tenuto, domenica 16 settembre 2018, uno speciale raduno in occasione dell’80° anniversario dell’inaugurazione dell’Istituto Mutilatini, avvenuta il 19 marzo 1948.
Don Flavio Peloso, in video conferenza, ha condiviso un ricordo dell’amicizia di Don Gnocchi, oggi beato, con Don Orione e la Congregazione.


Don Carlo Gnocchi (1902 - 1956) era un brillante sacerdote educatore di Milano. Ebbe “la conversione alla carità” quando fu cappellano militare in Russia, durante la guerra mondiale. Ritornato in Italia, nel 1943, egli iniziò il pietoso pellegrinaggio, alla ricerca dei familiari dei caduti in guerra e dei bimbi rimasti orfani e mutilati cui dare futuro.
Don Carlo Gnocchi aveva grande stima di Don Orione; fu in amicizia con i suoi successori Don Carlo Sterpi e Don Carlo Pensa.
Proprio Don Pensa mise a disposizione di Don Gnocchi e dell’Istituto di Arosio, di cui era direttore, Don Giovanni Casati e alcuni chierici orionini. Vi arrivarono nel settembre 1946, quando vi erano 3 mutilatini. L’accoglienza e l'assistenza dei mutilatini crebbe bene e rapidamente tanto che, dopo due anni, già ospitava una settantina di ragazzi.
Furono questi i mutilatini che, il 19 marzo 1948, lasciarono Arosio e inaugurarono il nuovo Istituto orionino di Milano.


Don Carlo Gnocchi manifestò persino l’intenzione prima di farsi “religioso” poi “aggregato” orionino e, infine, percorse una via di carità autonoma divenendo “apostolo dei mutilatini” e grande promotore della loro causa educativa e sociale in Italia.
Fu il primo presidente degli Amici di Don Orione del Piccolo Cottolengo di Milano.
Il 25 ottobre 2009 è stato proclamato "beato".
A giusto titolo, per la devozione verso Don Orione e i suoi ideali e per l'amicizia verso la Congregazione, Don Carlo Gnocchi può essere considerato un orionino "honoris causa".


Qui di seguito il video intervento di Don Flavio Peloso.

Condividi su:

Il Movimento Laicale Orionino, MLO, che unisce tutti coloro che si sentono parte viva del carisma di San Luigi Orione, ha pubblicato le nuove Schede di Formazione per gli anni 2018 – 2019.

Il prossimo progetto formativo sarà proposto nell'Assemblea generale ordinaria del MLO, programmata in Polonia nel settembre 2019.

Le Schede sono sei. Le prime due approfondiscono “i criteri di ecclesialità ed orioninità” di cui si parla nel art. 7 dello Statuto del MLO e costituiscono un'importante riflessione sui temi che sono alla base del  senso di appartenenza all’Associazione Pubblica di fedeli laici Movimento Laicale Orionino. Le altre quattro schede riguardano il tema della Santità. Prendono spunto dalla pubblicazione dell’Esortazione Apostolica Gaudete et Exultate che Papa Francesco ha offerto a tutti e dal 15º anniversario della Canonizzazione di Don Orione, che ricorrerà nel 2019.

Le schede si possono anche scaricare dal sito web del MLO: clicca QUI.

Condividi su:

Martedì, 18 Settembre 2018

Genova - Undici anni insieme allo stadio

Anche quest’anno, grazie anche agli abbonamenti donati da U.C.G.C. (Un Cuore Grande Cosi) associazione di Genoani che si dedica, tramite aste di cimeli del Genoa CFC, alla raccolta fondi per acquistare abbonamenti da donare successivamente a associazioni, case famiglia, istituti ecc. un gruppo affiatato di ospiti e operatori, rigorosamente genoani, al quale ogni anno si aggiunge un nuovo compagno di stadio, i ragazzi saranno in gradinata a tifare per il Grifone.

Andare allo stadio comporta, durante la settimana, una certa preparazione e tutti la sentono. Essere insieme in mezzo ad una folla di persone che per le due ore di gioco hanno la stessa appartenenza e dimostrano con le sciarpe le bandiere le maglie indossate, proprio come i “Nostri”, gioia o delusione è una sensazione irrinunciabile.
 
Quest’anno per il 125° compleanno del Genoa i ragazzi del Villaggio della Carità hanno festeggiato, organizzando una gita a Torriglia per un bel pranzo in una trattoria molto caratteristica, “A Locanda da Becassa”, gestita dal signor Gianni che ha accolto tutti in modo superlativo. Il locale arredato con foto vecchie e nuove, maglie, gagliardetti, tovaglie e tovaglioli tutto rigorosamente rossoblu è un nido per veri grifoni.

Condividi su:

Pagina 9 di 53

Cerca nel sito DOI

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica