skip to Main Content
Menù
Roma – Santi nella parrocchia di Ognissanti

Roma – Santi nella parrocchia di Ognissanti

Don Flavio Peloso, postulatore generale, ha pubblicato qualche nota storia sulla Parrocchia Orionina di Ognissanti, a Roma.

“E’ veramente una Parrocchia benedetta e fondata da santi.

Come è noto l’inizio della Parrocchia, nel 1908, si deve alla volontà di san Pio X e all’opera congiunta di san Luigi Orione, del venerabile Carlo Sterpi e del servo di Dio Gaspare Goggi. Poi, per qualche tempo vi fu vice parroco Padre Ricardo Gil, uno dei due beati martiri orionini spagnoli. In quei primi tempi, furono ospiti anche sant’Annibale di Francia e la beata Teresa Michel Grillo, che poi nel territorio della Parrocchia aprirono loro opere.

Nel 1921, Mons. Roncalli – futuro san Giovanni XXIII – andò a Ognissanti e incontrò Don Orione.

San Paolo VI, allora mons. Giovanni Battista Montini, partecipava, negli anni ’40, ai raduni del gruppo Amici di Don Orione; vi tornò da Papa il 7 marzo 1965 per celebrarvi la prima Messa in Italiano.

San Giovanni Paolo II vi andò da cardinale, il 12 ottobre 1965, e da Papa, il 3 marzo 1991, in visita pastorale.

Voglio richiamare l’attenzione sulla presenza, meno nota, di altre due venerabili, le fondatrici della congregazione delle Figlie della Chiesa, delle quali ho ricevuto informazione da suor Pina Audasso.

“La nostra Famiglia religiosa, Figlie della Chiesa (vedi www.figliedellachiesa.org ) ha preso avvio il 24 giugno 1938 a Roma, presso la casa generalizia della Figlie della Carità Canossiane, in via Mondovì, oggi via Don Orione. Per carisma e statuto era fondamentale per noi la partecipazione alla vita parrocchiale, in particolare Liturgica.

Fu così che, nei 6-8 mesi circa dell’esperimento fondazionale a Roma, il primo gruppetto di otto Sorelle frequentò la parrocchia di Ognissanti, accompagnate almeno qualche volta dalla Madre Fondatrice, venerabile Maria Oliva Bonaldo del Corpo Mistico. E tra le prime otto Sorelle c’era la venerabile Olga Gugelmo della Madre di Dio.

Sotto la vigilanza della ven. Madre Generale e dell’intera Comunità, hanno atteso alla propria formazione spirituale, partecipando alla vita della Parrocchia e iniziando qualcuna delle attività specifiche dell’opera, cioè: l’assistenza autunnale dell’Associazione di A. C.; un corso settimanale di catechismo superiore e la diffusione di un periodico gratuito per i poveri.
Per testimonianza orale di suor Antonietta Barbiero, la Madre stessa avrebbe avuto nella vostra chiesa di Ognissanti una grazia mistica : stiamo ricercando il racconto della Sorella, che lo avrebbe anche raffigurato in una sua pittura. Don Orione conobbe e benedì l’idea della nostra opera già dai primi anni Trenta”.

Back To Top