"Il dolore senza Dio confonde, irrita, dispera l’uomo."
Don Orione

Domenica, 14 Gennaio 2018

La giornata del migrante: accogliere ogni uomo che porta un dolore

Oggi la Chiesa propone un tema scottante, che riempie le dichiarazioni dei politici di tutte le parti del mondo, spesso con toni volgari, carichi di razzismo e di odio: l'accoglienza ai migranti.

Ma chi sono questi migranti?

Sono uomini e donne. Sono bambini. Sono esseri umani in fuga dalla povertà, dalle calamità naturali, dalla guerra, dalle persecuzioni politiche e religiose. Cercano una vita migliore, cercano la libertà, un lavoro, una casa. Spesso sui quotidiani e nelle trasmissioni televisive sono solo numeri, percentuali astratte o notizie di cronaca nera che favoriscono l'audience del macabro.

Per Don Orione, e per chi lavora oggi nel suo nome, sono semplicemente uomini e donne che portano un dolore: non importa come si chiamano, di che colore hanno la pello, se sono giovani o vecchi, se vengono dall'Africa o dall'Asia, se sono cristiani o no. La porta è sempre aperta: "a chi entra non domanda se abbia un nome, una religione, ma soltanto se abbia un dolore, perché la nostra carità non serra porte" scriveva Don Orione.

Ecco allora i nomi, le storie, i volti di questi uomini, donne e bambini che vivono nelle opere orionine: non sono numeri, ma volti segnati dal dolore che hanno ritrovato la speranza, la fiducia e la dignità. Sono famiglie che hanno una nuova casa, sono giovani che imparano un mestiere, sono bimbi che nascono. Sono operatori che cercano ostinatamente di trovare risposte, sono volontari che donano il loro tempo ed il loro affetto.

Per leggere le loro storie clicca QUI

 

Condividi su:

Video