"Anche il peccatore più ostinato si commuove davanti alla Madonna."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

Giornata mondiale dei poveri

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica

Sabato, 13 Gennaio 2018

Campocroce - L’accoglienza al Seminario della Vita

Nel Seminario della Vita, la piccola opera di carità in provincia di Venezia, continua l’attività di accoglienza di madri sole e nuclei familiari con figli a carico che versano in situazioni di disagio sociale e abitativo.
L’accoglienza offerta varia in base alle necessità delle famiglie accolte: in comunità con un progetto di totale accompagnamento e condivisione per alcune e con un’ospitalità in semi autonomia in minialloggi presenti in struttura per altre.
Gli alloggi sono attualmente quattro e altri due stanno per essere ultimati. Tale soluzione è  stata pensata anche come “sgancio” per quei nuclei familiari che dopo un percorso, a volte anche lungo di comunità, necessitano di un altro temporaneo periodo di affiancamento in preparazione all’indipendenza e all’autosufficienza totale anche dal punto di vita economico con l’inserimento nel territorio.
Oltre all’accoglienza, all’accompagnamento e all’educazione delle famiglie accolte vengono offerti una serie di servizi o meglio di opportunità di crescita:  l’aiuto nei compiti, il corso di strumento musicale e l’animazione del gioco per i bambini; i momenti di fraternità e allegria come le uscite insieme, le feste e i passatempi oltre ai laboratori manuali e quelli di cucina rivolti sia ai grandi e che ai piccoli; tutto ciò in quello stile semplice ma accogliente e autentico di famiglia.
Il desiderio è quello di essere la casa, la dimora di chiunque ha un bisogno, una sofferenza come era nel cuore di San Luigi Orione. Una comunità familiare, che stimola i propri ospiti a vivere secondo uno stile di famiglia estesa, valorizzando le relazioni tra le persone e mettendo al centro l’unicità di ciascuno. Una comunità dove singoli e famiglie, cristiani e musulmani, italiani e stranieri sperimentano la diversità degli altri, ma provano a trasformarla e valorizzarla come ricchezza per tutti, ciascuno sentendosi chiamato a donare qualcosa di sé nel servizio per il bene dell’intera comunità.
Per chiunque opera al Seminario della vita, dipendenti e volontari, le famiglie e i bambini presenti in comunità costituiscono un dono gratuito, sono compagni di viaggio trovati, attraverso i quali Dio parla e fa riscoprire l’amore e la sua provvidenza  nel nome di don Orione che, di giorno in giorno e di esperienza in esperienza, fa risuonare le sue parole “facciamo regnare la carità con la mitezza del cuore, col compatirci, con l’aiutarci vicendevolmente, col darci la mano a camminare insieme”.

Condividi su:

Cerca nel sito DOI

Giornata mondiale dei poveri

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica