"Non si potrà far tutto in un giorno, ma non bisogna morire né in casa né in sacrestia: fuori di sacrestia!"
Don Orione

Con queste parole si è concluso il percorso carismatico che ha visto insieme per tre giorni dipendenti da vari luoghi d'Italia, sacerdoti e relatori laici.

La mattinata ha visto alternarsi gli interventi di Don Giovanni Carollo, Davide Gandini e Roberto Franchini: i primi due hanno approfondito il tema del carisma, mentre l'ultimo ha stimolato la riflessione sul lavoro all'interno delle opere di carità, alla ricerca dell'equilibrio tra legalità, sostenibilità e carisma.

Ma cosa dà energia e vita a tutte queste opere? La sorgente inesauribile è la carità, l'amore: una carità generosa e operosa, che non conosce fatica nè esitazione, come la descrive San Paolo nel capitolo 13 della prima lettera ai cristiani di Corinto. Una carità che trova la sua linfa vitale in Gesù Cristo, che ha mostrato agli uomini cosa vuol dire amare, perché li ha amati "da morire" per loro.

Anche oggi "al piccolo Cottolengo si vive allegramente", come scriveva Don Orione, perché nonostante la fatica e le difficoltà, si continua a fare di tutto per amare l'altro, altro come anziano, disabile, giovane, emarginato, collega o superiore, si continua a seguire l'indicazione di Don Orione di fare del bene sempre, del bene a tutti, del male a nessuno. E quando si fa del bene, si sta bene!

E così, dopo giornate piene di stimoli, ciascuno è tornato a casa, pronto a rituffarsi nella quotidianità, certo di non essere solo, ma di appartenere ad una famiglia grande, non solo perché numerosa e variegata, ma sopratutto perché ha di grande il cuore.

Condividi su:

Sono due le stelle luminose che hanno seguito i partecipanti al percorso formativo carismatico #seguilastella.

La prima l'hanno incontrata nell'Eremo di Sant'Alberto di Butrio, PV: si tratta di Frate Ave Maria, l'eremita cieco accolto da Don Orione e vissuto nell'eremo fino alla morte, nel 1964. Un uomo provato dall'improvvisa cecità seguita ad un incidente all'età di dodici anni, riscopre la luce nella sua vocazione e trasmette a tutti la sua felecità di vivere una "luminosa notte", perché illuminata dall'unica luce capace di penetrare le tenebre del cuore: Gesù.

Con la forza di questo esempio, don Giovanni Carollo ha presentato la seconda stella, Don Orione, spiegando le fondamenta della spiritualità orionina, i quattro amori di Don Orione: Gesù, la Madonna, il Papa e le anime. Questa la sorgente del suo agire: senza la sua fede in Dio ogni azione di Don Orione potrebbe essere ridotta banalmente a filantropia. Invece, il fare del bene non era solo un'azione di bontà umana, ma la volontà attraverso il bene di salvare le anime, di ridare ad ogni uomo sofferente la speranza che non delude, Gesù.

Nel pomeriggio è intervenuto don Gianni Giarolo, vicario provinciale, che ha descritto la figura di Don Orione educatore: non un vero pedagogista, impegnato a tratteggiare la sua teoria ed il suo metodo, ma un uomo pragmatico, portato all'azione animato da grande zelo e attenzione per gli altri. Mirabile esempio di questo atteggiamento l'incontro con il giovane Ignazio Silone, descritto nel famoso racconto "Incontro con uno strano prete".

A seguire Don Felice Bruno ha fatto fare ai partecipanti un "giro del mondo", visitando virtualmente le missioni orionine, dall'Africa all'India, dalle Filippine alla Romania, dall'Albania all'Ucraina, missione che proprio don Felice con altri due confratelli aprì nel 2001. Don Orione non si accontenta di un'opera locale, il suo cuore è troppo grande per non abbracciare anche i popoli più lontani e portare anche là un germe di speranza. E anche oggi molti sacerdoti, suore e volontari continuano ad allargare i confini della sua Opera.

Condividi su:

Con queste parole Don Roberto Simionato, superiore generale dell'Opera Don Orione nel 2004, commentava la canonizzazione di Don Orione. E con questa esortazione Don Giovanni Carollo ha introdotto la figura di San Luigi Orione ai partecipanti del percorso carismatico #seguilastella.
Oltre trenta dipendenti e collaboratori delle case orionine in Italia si sono ritrovati a Tortona: da Savignano Irpino, Reggio Calabria, Pescara, Milano, Santa Maria La Longa, Genova, Firenze, Bergamo, Fumo, Montebello della Battaglia.

L'economo provinciale Don Alessandro D'Acunto ha illustrato un po' di "geografia" orionina, mostrando le diverse opere che caratterizzano la realtà italiana, gli organi di governo e il loro sviluppo storico fino alla costituzione nel 2012 della Provincia Religiosa Madre della Divina Provvidenza.

Don Giovanni ha ripercorso la storia di Don Orione, grande nelle opere realizzate e ricca di interventi della Provvidenza, mostrando immagini e luoghi, raccontando fatti tutti legati dall'intento instancabile di "salvare sempre, salvare tutti". Davide Gandini, membro dell'équipe provinciale e segretario generale del Piccolo Cottolengo Genovese, ha invece collocata la figura di Don Orione nel suo contesto storico-culturale, con riferimenti alla storia, alla filosofia ed alle teorie economiche di ieri e di oggi.

E poi la visita ai luoghi dove don Orione è vissuto: il Santuario della Madonna della Guardia, il Paterno, il Duomo. Come accade a chi visita per la prima volta quei luoghi, anche in questa occasione gli occhi si sono velati di commozione nel trovarsi a pregare davanti all'urna che conserva il corpo di Don Orione, con le sue scarpe consumate dalla strada fatta per servire gli ultimi, i più poveri tra i poveri.

Approfittando di un tiepido sole, i partecipanti hanno percorso le strade di Tortona, suscitando la curiosità dei passanti, e sono stati accolti in Duomo per visitare le stanze in cui il chierico Orione viveva durante gli anni del seminario, in cui per mantenersi agli studi svolgeva l'incarico di custode della cattedrale: sono gli spazi in cui Luigi accoglie prima uno, poi molti bambini e ragazzi un po' troppo vivaci per fare dottrina e che formano il primo oratorio, il nucleo iniziale della sua congregazione.

Dopo aver pregato dalla finestrella che guarda dal voltone del Duomo al Tabernacolo, Fratel Lanus ha guidato il gruppo al Paterno, il luogo che custodisce tanti ricordi e tanti episodi della vita di Don Orione. Lì, momento culminante della visita, la sosta nella Cappella, vero cuore della famiglia orionina: Don Orione ha celebrato la santa messa, predicato ai suoi ragazzi, li ha salutati per l'ultima volta prima di partire per Sanremo dove poi sarebbe morto il 12 marzo del 1940.

Come a quei giovani l'8 marzo del 1940, così a questi dipendenti, a questi suoi laici Don Orione rinnova oggi l'invito a cercare di amare sempre il Signore, a camminare nella via di Dio.

Condividi su:

Mancano pochi giorni ad un importante appuntamento formativo per le realtà orionine italiane, i tre convegni amministrativi dedicati alle Case di carità, Case di ospitalità religiosa e Parrocchie. Una settimana intera dedicata alla gestione amministrativa, guardando al rispetto delle norme e alla carismaticità delle opere.

Prima di immergersi nelle normative, procedure e obblighi di Legge, ricordiamo un altro appuntamento formativo annuale, che si è svolto all'inizio di Giugno, il Convegno Apostolico giugno quest'anno alla sua settimana edizione.

Vi proponiamo un video che ripercorre i momenti salienti dell'incontro, dalla prima giornata all'Università Cattolica di Milano ai due giorni vissuti a Villa Lomellini.

Volti, scorci, parole che ci aiutano a non dimenticare il requisito davvero irrinunciabile, che non può mai mancare: la carità di Cristo, che nelle mani e negli occhi di Don Orione si è fatta viva e tangibile per ogni persona sofferente.

Video a fondo pagina.

Condividi su:

Giornate di festa a Montebello della Battaglia, Pavia, in occasione della festa patronale che si celebra oggi.

Sono stati programmati molti eventi nei diversi punti di interesse del paese, tra cui anche Villa Lomellini, la casa di ospitalità religiosa che ospita turisti, eventi formativi e convegni. Un'occasione per gli abitanti del paese e non solo di visitare le sale, la villa della famiglia Lomellini, recentemente ristrutturata, con la sua torretta e la biblioteca, il parco con alberi secolari.

Negli spazi della Villa è stato possibile anche visitare la mostra fotografica "Fotografando Montebello", organizzata dall'associazione culturale Mumbel.

Condividi su:

Si è svolta a Montebello della Battaglia, il 12 settembre scorso, la giornata formativa dedicata agli addetti amministrativi delle case orionine, avente come tema “La nuova Fatturazione Elettronica”, in attesa dell'appuntamento annuale del convegno amministrativo che si svolgerà a novembre.

I circa 70 partecipanti hanno rappresentato la quasi totalità delle Opere italiane, a testimonianza del fatto che la Provincia cammina sempre più unita e compatta.

La legge di Bilancio 2018 ha introdotto l’obbligo della fatturazione elettronica per tutte le operazioni effettuate tra soggetti identificati ai fini IVA nel territorio dello Stato Italiano. Per tutti i privati, persone fisiche o Enti, l’emissione e ricezione della nuova fattura elettronica sarà obbligatoria a partire dal 1 gennaio 2019; questo comporterà anche per le nostre Case la necessità di rivedere ed adeguare prassi e procedure.

L’Economato Provinciale ha organizzato ad hoc, per gli Amministrativi delle nostre Opere, un incontro di formazione ed aggiornamento volto a garantire a tutti la conoscenza delle prescrizioni di legge, al fine di uniformare le procedure ed aiutarci vicendevolmente nei relativi adempimenti.

Don Alessandro D'Acunto, economo provinciale, ha ricordato ai presenti che "siamo chiamati ad amministrare beni che non sono nostri, ma della Chiesa e del Signore. Questo ci obbliga ad essere maggiormente responsabili nel gestire ed operare bene".

Il dottor Luigi Raineri, commercialista e consulente di molte strutture orionine, chiamato come relatore a dare indicazioni e chiarimenti in materia, ha sottolineato che il passaggio alla nuova fatturazione elettronica è senza dubbio un cambio che coinvolge l’ambito tecnico, ma soprattutto richiede un cambio culturale ed organizzativo, oltre che di mentalità e di metodo. Proprio per passare dalla teoria alla pratica, il rag. Enzo Consavella ha illustrato le modifiche operative apportate al software gestionale attualmente utilizzato da molte strutture orionine in Italia.

Condividi su:

A Montebello della Battaglia sono riuniti da ieri i Consigli Provinciali delle Provincie (Africa, Italia, Polonia, Spagna, delegazione di lingua inglese e Madagascar).

Trascorreranno alcuni giorni insieme al consiglio generale dell'Opera Don Orione, per rafforzare la conoscenza fraterna, condividendo alcuni giorni di vita insieme, nella preghiera e nel lavoro, ma anche con qualche momento di svago.

Durante i momenti di formazione i religiosi avranno modo di confrontarsi su alcuni punti strategici delle azioni della congregazione orionina: assumere le priorità e le linee di azioni del Capitolo Generale, formulando per il triennio di governo un “Progetto di Azione Provinciale” che riprenda specialmente le decisioni delle rispettive Assemblee di Programmazione; formare alla responsabilità di governo in ambito provinciale; condividere-coordinare i rapporti tra il governo generale e il governo provinciale, in particolare nell’ambito dei Segretariati.

Questo appuntamento formativo si concluderà  il 3 settembre con l’incontro dei Segretariati suddivisi in sei gruppi tematici: Formazione Permanente, Formazione Iniziale;  Pastorale Giovanile-Vocazionale, Educativa; Pastorale Missionaria; Opere di Carità, MLO, ISO;  Amministrazione e Economia; Consiglio del Madagascar.

Un augurio di buon lavoro a tutti i religiosi presenti, con le parole di Don Orione: Ave Maria e Avanti!

Condividi su:

Caro Don Orione, caro padre, abbi pazienza con noi, perdonaci e continua ad aiutarci, intercedi per noi, perché nelle decisioni che prendiamo nelle nostre Case e nelle parole e eni gesti delle nostre giornate di lavoro sia sperimentabile per gli altri e per noi stessi la misericordia del Signore Gesù.

Sono le parole di uno dei partecipanti al VII Convegno apostolico che, al termine dei lavori, sono stati invivati a scrivere un loro pensiero su una cartolina da indirizzare ad un destinatario a piacere.

Ciascuno si porta a casa un ricco bagaglio di stimoli e riflessioni: l'amore sconfinato e ardente di Dio per l'uomo, di cui noi siamo tramite per gli altri attravero i gesti di misericordia, come ha dello Monsignor Viola, Vescovo di Tortona, nella sua meditazione sul significato della misericodia; l'utilizzo di nuovi strumenti per l'annuncio del Vangelo, perchè è per tutti e quindi non esiste differenza nell'annuncio tra "normali" e disabili, proposto da suor Veroniva Amata Donatello, dell'ufficio catechistico nazionale della Conferenza Episcopale Italiana; lo sforzo di rendere concreti e misurabili gli indicatori della qualità di vita, come ha proposto Massimo Giordani dellla Qu. Be. Srl; l'esperienza di accoglienza e inclusione della Fondazione Orione 80 Onlus; il modello di welfare aziendale realizzato dalla Fondazione Opera Immacolata Concezione, illustrato da Fabio Toso.

Ciascuno porta a casa il ricordo dei volti e delle mani delle persone incontrate, le chiacchiere, il confronto, le risate.

Ciascuno torna a casa un po' più ricco e consapevole di avere una grande responsabilità: essere oggi, ogni giorno, il cuore e le mani di Don Orione, consumarsi nella cura dei più fragili con un amore che trovi la sua sorgente e la sua forza in Colui che ha donato interamente la sua vita per l'uomo.

Condividi su:

Mercoledì, 06 Giugno 2018

VII Convegno Apostolico

Si apre questa mattina, mercoledì 6 giugno a Milano il VII Convegno Apostolico dell’Opera Don Orione.

A partire dalle ore 9, presso l'Aula Magna dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano si terrà il Convegno Apostolico "Tra tecnica e prossimità: alle radici della relazione di aiuto", tradizionale evento dedicato agli operatori sociali e sociosanitari organizzato dall'Opera Don Orione in collaborazione con l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Accoglienza, prossimità, qualità di vita, etica, deontologia, educazione, centralità della persona e comunità saranno alcune delle parole chiave del Convegno Apostolico, che quest'anno avrà come relazione centrale una lezione magistrale tenuta dal Professor Eugenio Borgna, psichiatra e scrittore di fama nazionale. I suoi volumi (tra cui L'indicibile tenerezza, La fragilità che è in noi, L'arcipelago delle emozioni e molto altro ancora) hanno aiutato molte persone a riflettere sulla propria vita, e molto professionisti a mantenere la loro tecnica ancorata a solide radici esistenziali.

Scopo del Convegno è riscoprire le radici della relazione di aiuto, per evitare che essa si riduca al freddo esercizio di abilità e competenze professionali, smarrendo il filo rosso della prossimità e del sostegno alla vita. Per questo, oltre alle relazioni della sessione frontale, che evocheranno l'esigenza di un cambiamento di paradigma nei servizi, le sessioni parallele del pomeriggio hanno come oggetto la valutazione deontologica dei vari ambiti in cui si esercita la relazione di aiuto, dalla costruzione del progetto di cura all'assistenza, dalla riabilitazione alle cure mediche.

L'evento è gratuito e offerto dall'Opera Don Orione, come stimolo a guadagnare una fraternità di pensieri e di pratiche per tutti i professionisti e volontari che quotidianamente operano nell'ambito del servizio alla vita fragile.

Condividi su:

Sono disponibili online i video degli interventi del XXIII Convegno Amministrativo, svoltosi a Montebello della Battaglia.
Il Convegno di quest’anno si è sviluppato in una settimana ed ha avuto al suo interno il I Convegno per i Santuari e le Parrocchie ed il VI Convegno per le Case Religiose di Ospitalità.

"Chi più ordinatamente e meglio lavora raccoglie il meglio della civiltà e i frutti più squisiti del progresso umano. Quante gioie pure serene si celano nella fatica!"
(San Luigi Orione - V064 T262 P262)

La fatica che accompagna quotidianamente il nostro impegno nella conduzione delle Opere Orionine, non è un inutile peso se riusciamo a scorgere tra le pieghe delle norme e degli adempimenti imposti la “gioia pura” che deriva da un lavoro BEN FATTO. Attendere in modo ordinato e completo alle mille incombenze che il nostro ruolo di amministratori prevede, non solo è indispensabile alla corretta gestione delle attività che ci sono affidate ma ci mette nella condizione di raccogliere i frutti migliori della civiltà e del progresso. E di dare il nostro significativo contributo all’Umanità e al suo sviluppo.

Qui di seguito i video interventi.

Condividi su:

Pagina 1 di 6