"Non basta applaudire il Papa se poi non si fa quello che il Papa desidera."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

Giornata mondiale dei poveri

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica

Venerdì, 05 Ottobre 2018

Genova - La gioia abita al villaggio

Domenica 23 settembre a Genova, al Villaggio della Carità di Camaldoli si è svolta l’annuale festa della Casa che si affida a Maria Fonte della nostra Gioia.  A presiedere la celebrazione solenne il nuovo direttore del PCDO genovese, Don Dorino Zordan a cui è stato dato il benvenuto per il suo nuovo incarico, e l’animatore spirituale della casa Don Bruno Lucchini che quotidianamente, con impegno ed affetto, svolge il suo servizio a favore di ospiti ed operatori.

I presenti hanno vissuto una giornata all’insegna dello “spirito di famiglia”, tanto caro a San Luigi Orione, che contraddistingue la vita delle nostre Case di carità. Tanti gli operatori e gli amici che hanno, con la loro disponibilità, contribuito alla riuscita della festa.

Dopo la celebrazione eucaristica ed un gustoso pranzo, nel pomeriggio una divertente commedia a teatro, interpretata da alcuni ospiti ed amici della Casa, dal titolo “La villa”.

Condividi su:

Un anno dedicato ai giovani della Famiglia Orionina, per riaccendere la fede e riscoprire la missione: "Vivere ogni incontro con gli altri sempre sotto il segno della carità".

È l'invito che la Famiglia Carismatica Orionina rivolge ai giovani e ai responsabili della pastorale giovanile, in una lettera pubblicata oggi, in occasione dell'apertura del Sinodo dei Vescovi sui giovani.
L'Anno dei Giovani Orionini si estenderà dal prossimo 1 giugno 2019 fino al 30 giugno 2020, con il tema "Ascoltare, discernere e vivere la missione". Il desiderio è proseguire il cammino che inizia con la XV Assemblea Generale del Sinodo dei Vescovi dedicato ai giovani e che continuerà con la GMG a Panamá, a gennaio 2019.

Nel percorso, la Famiglia di Don Orione invita i suoi giovani a celebrare una festa, in occasione del 125° anniversario dell'ordinazione di Luigi Orione, il 13 aprile 2020. "Lui – si legge nella lettera – quando divenne sacerdote, aveva 23 anni: un po' meno degli anni che avete voi, o forse la vostra stessa età. Quest'avvenimento trasformò completamente la sua vita". In quel momento Don Orione ha accolto la proposta di Gesù di "essere dei suoi per essere tutto dei poveri". Un sogno che Luigi Orione volle condividere con altri giovani. "Sempre lo abbiamo trovato vicino a voi, accendendo la scintilla della fede autentica e di una carità senza frontiere". Con questo desiderio, le Congregazioni di Don Orione offrono ai loro giovani in tutto il mondo l’opportunità di realizzare un incontro a Tortona (Italia) dal 1 al 5 luglio 2020, per celebrare la figura del "padre" che li ha radunati come una famiglia.

Nella lettera si ricorda l'occasione in cui Luigi Orione abbandonò quello che stava facendo per consolare Mario Ivaldi, un giovane che aveva deciso di lasciare il catechismo. Un incontro che cambiò la vita di entrambi, perché "quando due giovani sognano insieme tutto diventa nuovo". Quel giorno, Luigi invitò Mario a formare "un piccolo circolo e oratorio". Un invito che si rinnova anche oggi, nel cuore di tanti giovani orionini, e da cui è nata la missione della Famiglia Orionina: servire il prossimo senza misura se non quella "della capacità d'amare", seguendo un percorso di discernimento che aiuti a superare le ambiguità della vita.

"Cari giovani orionini – conclude la lettera – vi invitiamo dunque a vivere questo percorso con generosità. A non essere spettatori, ma veri protagonisti di questo tempo pieno di esperienze che ci aiuteranno a rilanciare la nostra identità e missione". Perché l'incontro è un viaggio da vivere insieme, al fianco di Don Orione, che "come fece con altri, anche oggi ci aiuta a vivere con entusiasmo il nostro impegno a seguire il Signore Gesù."

Clicca QUI per leggere e scaricare la lettera di invito.

Condividi su:

Mercoledì, 03 Ottobre 2018

Firenze - Corri la Vita 2018

Corri la vita è una manifestazione ideata per contribuire a realizzare e qualificare le strutture sanitarie pubbliche di Firenze specializzate nella lotta contro il tumore al seno.

Nata nel 2003 per iniziativa della presidente Bona Frescobaldi e organizzata da Associazione CORRI LA VITA Onlus, l’appuntamento sportivo non competitivo ha raccolto e distribuito nelle precedenti 15 edizioni oltre 5.000.000 euro, riunendo quasi 300.000 partecipanti e consentendo un’assistenza di qualità a oltre 400.000 donne.

Anche quest'anno all’edizione 2018 laCasa Don Orione di Firenza non poteva mancare all'evento che fa più bella la “loro” Firenze. Alcuni ragazzi insieme a fantastici volontari hanno contribuito alla manifestazione impegnata nella lotta contro il tumore al seno, partecipandovi correndo per le più suggestive strade della città.

Condividi su:

Grande festa quella che si è tenuta al Piccolo Cottolengo Don Orione di Seregno!

Questo mese, a differenza di tutti gli altri, sono stati festeggiati tutti i nonni che hanno compiuto gli anni nel mese di agosto e settembre. Quindi una doppia festa, con doppi auguri, doppie torte e doppia animazione!

Come sempre non è mancata l'animazione e la musica dal vivo dell’amico Pippo e il tanto amato tiramisù preparato dalla cucina interna della struttura.

Condividi su:

Ezio Del Bianco è stato un volontario dell'associazione ALVIUS, nata accanto a Santa Maria La Longa (UD) per sostenere le attività del Piccolo Cottolengo di Don Orione.

Da  oltre vent'anni, insieme ad altri volontari, si recava in Romania per fare piccolo lavori di manutenzione alle opere sorte in quel Paese. Anche quest'anno, come ogni anno, si è recato a Voluntari, vicino a Bucarest, nel centro che accoglie disabili e anziani. Una mattina, a colazione, avverte un malore, ma nonostante i soccorsi siano stati prestati con tempestività non sono riusciti a rianimarlo.

Ezio era un volontario a tutto tondo, nell'opera Don Orione, nella protezione civile degli Alpini di Palmanova: un uomo che ha vissuto i valori in cui credeva ogni giorno, in ogni contesto, portando a tutti coloro che incontrava un luminoso sorriso.

Grazie a Ezio! E grazie a tutti coloro che, come lui, si donano gratuitamente per far star bene le persone che soffrono e si sentono sole.

 

In allegato, un articolo della stampa locale.

Condividi su:

La Tempora dell'uva è la terza delle Quattro Tempora proposte dall'Azienda Agricola Meleretum del Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione di Santa Maria la Longa.

La festa sarà sabato 6 ottobre sul piazzale della Chiesa di Santa Maria la Longa. In questa festa l’attenzione è rivolta all'uva e ai suoi derivati e si festeggerà insieme tra musica, balli, stand enogastronomici e gli ottimi vini del territorio. L'azienda agricola Stocco e la distilleria NONINO sono sponsor dell'evento con stand ricchi di prodotti e disponibili per aperitivi, degustazioni e acquisti.

Sarà presente Stefano Montello con la sua musica che durante l'aperitivo filosofico targato NONINO tra i racconti sui vitigni del territorio attraverso i secoli (di Alessandro Groppo Conte) e le storie dell'uva e del vino nella bibbia a cura di Don Stefano Romanello. La musica e i balli dell'Orchestra Novanta accompagneranno per tutta la festa, a seguire poi Dj Lorenz per ballare fino a fine serata!

Durante tutta la festa vi saranno gli stand artigianali realizzati dal Piccolo Cottolengo friulano e gli stand delle aziende agricole sociali del territorio, vi sarà anche una piccola lotteria di beneficenza realizzata in collaborazione con ARSound Laboratorio Musicale el’ animazione per bambini con Max il Clown!

L’evento è promosso e realizzato dal Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione di Santa Maria la Longa.
Potete trovare maggiori dettagli sulla pagina Facebook QUI.

Condividi su:

Mercoledì, 26 Settembre 2018

Seregno - Un fine settimana super!

Un fine settimana allungato, ricco di uscite e attività per gli ospiti del Don Orione di Seregno.
Tutto comincia giovedì a pranzo quando un gruppo di nonni, accompagnati dalle animatrici e volontari, si sono recati alla pizzeria infinity giropizza di Seregno.
Pizza al prosciutto, ai wurstel, con le patatine, pere e zola e tante altre hanno girato per i tavoli, allietando il palato di tutti i presenti. Un pranzo ricco di allegria e voglia di stare insieme: oltre a mangiare delle buonissime pizze, i nonni hanno recitato poesie, cantato e ballato.

Venerdì, invece, i ragazzi sono andati alla “Fiera della creatività” di Mariano Comense.
I ragazzi hanno incontrato la signora Alessandra che, gratuitamente, ha fatto un piccolo corso di riciclo creativo per fare decorazioni di Natale!

Il week end si è concluso con l’esibizione nel salone ricreativo del coro “Tutti insieme appassionatamente”, che con le loro canzoni, accompagnati da simpatici sketch, hanno rallegrato tutti i presenti. Special guest: Angela e Filomena, le nonne canterine.

Tutti gli ospiti ringraziano di cuore i proprietari e i camerieri della pizzeria Infinity di Seregno che, come sempre, fanno sentire importante ognuno di loro, gli organizzatori e i gestori dei bar della fiera per la splendida accoglienza ricevuta ed infine un grazie di cuore agli amici del Coro che ogni volta regalano tante emozioni.

Condividi su:

Martedì, 25 Settembre 2018

Roma - Segretariato Missioni

Il 21-22 settembre si è realizzato a Roma il segretariato per le Missioni con la partecipazione di Don Michele Autuoro, direttore dell’Ufficio Missionario della Conferenza Episcopale Italiana.

“Qual è il ruolo di un segretariato o di un gruppo missionario?”. Si è chiesto Don Autuoro. “È quello di aiutare a scoprire che ognuno di noi è una missione su questa terra; ricordare a tutta la Chiesa che la sua natura è missionaria. ... Non è che la Chiesa fa la Missione, ma la Missione fa la Chiesa, dice alla Chiesa quello che è e che deve fare”. Richiamandosi a Papa Francesco ha ricordato, inoltre, che dobbiamo essere discepoli-missionari: in quanto discepoli siamo missionari. Solo così crescerà la passione per Gesù ed il Vangelo, che ci renderà contagiosi. Ha poi richiamato espressamente che è cosa molto buona darsi da fare per aiutare le missioni, ma non basta fare qualcosa… bisogna formarsi. Formarsi ed informarsi! Oggi più che mai ha ricordato quanto sia importante conoscere la realtà con obiettività, di fronte ad una informazione spesso distorta.

Nella seconda parte dell’intervento il direttore dell’Ufficio Missioni ha presentato il materiale dell’Ottobre missionario.
I lavori del Segretariato sono proseguiti con l’organizzazione interna delle attività: uno degli impegni del triennio sarà di fare incontri di area per far giungere gli input del segretariato a tutte le comunità tramite i referenti. Sono stati poi presentati i vari progetti a sostegno delle nostre missioni. Infine si è parlato del prossimo Convegno Missionario Provinciale che si terrà il 6-8 giugno prossimi.

Condividi su:

Lunedì, 24 Settembre 2018

Bergamo - Le immagini della festa

Più facile far parlare le immagini per descrivere l'atmosfera gioiosa vissuta al Centro Don Orione di Bergamo. Sabato scorso, infatti, c'è stata la giornata conclusiva dei festeggiamenti per il trentesimo anniversario dell'apertura del Centro, inaugurato il 17 aprile 1988.

Clima di festa e di famiglia, reso solenne dalla presenza del Vescovo, Monsignor Francesco Beschi, che ha descritto il Centro come un "segno dell'abbondanza di quell'amore che san Luigi Orione ha testimoniato e così poi tutti coloro che hanno seguito le sue tracce." Il Vescovo ha celebrato la santa messa nella cappella e poi ha visitato i reparti, accompagnato dal Direttore, Don Alessio Capelli.

Anche Bergamo TV ha dedicato un servizio a questa festa, con un'intervista al Vescovo, a Don Alessio e la testimonianza di alcune Signore e Signori che vivono lì. Clicca QUI per vedere il video.

Condividi su:

Lunedì, 24 Settembre 2018

Genova - Una formazione a 360 gradi

Domani, alle ore 10, Don Aurelio Fusi, direttore provinciale, apre le attività dell'anno pastorale 2018-2019 al Piccolo Cottolengo Genovese.

In particolare, nell'incontro diventato ormai tradizionale, Don Aurelio inaugura l'anno di formazione professionale e carismatica per tutti gli operatori. Il Provinciale presenterà il tema dell'anno, che riprende e amplia il tema dello scorso anno delle opere di misericordia: "Vivere con Don Orione: l’abitare e i cinque sensi».

In tutte le realtà della congregazione in Italia, gli operatori delle varie professionalità potranno approfondire il tema, grazie a dei sussidi elaborati dal Provinciale e dai suoi collaboratori. Inoltre, Don Giovanni Carollo, consigliere incaricato della pastorale delle case di carità, e Davide Gandini, segretario generale del Piccolo Cottolengo Genovese, visiteranno ogni realtà per fornire un supporto nella formazione carismatica.

Si tratta di un percorso che prosegue da molti anni, nella consapevolezza che il dono prezioso del carisma di Don Orione va coltivato e condiviso con tutti coloro che vivono e operano nelle sue Case.

Condividi su:

Pagina 3 di 48

Cerca nel sito DOI

Giornata mondiale dei poveri

 

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica