"La fede mi fa sentire la vicinanza dei miei cari defunti come si sente nel silenzio il battito del cuore di un amico che veglia su di noi."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica

La Thai Boxe, nota anche come, muay thai, boxe thailandese o pugilato thailandese, è un'arte marziale e sport da combattimento a contatto pieno che ha le sue origini nella Mae Mai Muay Thai, un’antica tecnica di lotta thailandese.

La Thai Boxe è sbarcata dalla Thailandia in Italia, precisamente al Piccolo Cottolengo don Orione di Seregno, dove hanno fatto un allenamento speciale gli amici dell'Associazione sportiva Dilettantistica Top Ring.

I ragazzi di Top Ring con le loro esibizioni hanno regalato a tutti i presenti un pomeriggio mozzafiato e non solo! Dopo la loro dimostrazione, il maestro e le allieve hanno messo i guantoni ad alcuni degli ospiti, che hanno provato in prima persona l'esperienza della Boxe Thailandese e hanno fatto una nuova emozionante esperienza, di sport e di amicizia.

Di seguito il video.

Condividi su:

Torna l’appuntamento delle Tempora al Piccolo Cottolengo Don Orione di Santa Maria La Longa, l’evento divenuto una tradizione ormai molto sentita da tutta la comunità.
Oggi, venerdì 15 dalle 17.30, prenderanno avvio le Tempora della Primavera, che prevedono numerose iniziative tutte all’interno degli spazi del Piccolo Cottolengo.
Durante tutto l’evento ci sarà un’esposizione di fiori e piante presentate da aziende del territorio.

La presentazione delle Tempora si terrà alle 17.30, nel salone “Dante Cavazzini” a cura di Don Luigino Pastrello, direttore del centro, che ricorda come: “le Tempora, sono giorni dedicati dalla Chiesa alla preghiera, alla riflessione e alla santificazione del tempo e delle stagioni fin dal III secolo”.
Alle 18, è prevista la conferenza “Fitoterapia per tutti - occasione e opportunità” a cura di Gabriele Beltrame.
Alle 19 ci sarà la presentazione del libro “Anna dei rimedi” alla presenza dell’autrice Marta Mauro, che si intratterrà in un dialogo con lo scrittore e contadino Stefano Montello.

L’ingresso è libero e gratuito e le offerte raccolte durante l’evento saranno utilizzate per lo sviluppo del progetto di agricoltura sociale “Meleretum” del Piccolo Cottolengo di Santa Maria La Longa.

tempora 2019

Condividi su:

Dopo giorni di preparazione, finalmente il grande giorno è arrivato: CARNEVALE! Una delle feste più attese e gradite dagli ospiti del Piccolo Cottolengo di Seregno.

Già dalle prime ore del mattino, dai nuclei abitativi si sente un grande trambusto per la preparazione di trucco, parrucco e costumi di tutti i partecipanti: da Minnie a Biancaneve, da calciatore a clown, da marinaio a pizzaiolo, sono stati tanti i costumi indossati dagli ospiti e dagli operatori. E cosa c’è di meglio che una sfilata - video a fondo pagina - per mostrarli a tutti? Con un medley realizzato da Frank e l’animazione di Max, Dante apre la sfilata, tirando un piccolo carretto realizzato durante il laboratorio di “CreArte”. A seguire, hanno fatto l’ingresso nel salone tutti i restanti partecipanti tra cui anche i nostri amici del CDD di Villa Raverio, Inverigo e Seregno.

Dopo la sfilata ci sono stati i giochi, i balli ed il karaoke, che come sempre coinvolge tutti, anche i più timidi.
Per concludere questa giornata di festa, non poteva mancare il pranzo in salone tutti insieme e le tradizionali frittelle di carnevale.

Condividi su:

Venerdì, 08 Marzo 2019

Pescara - Carnevale al Don Orione

Anche al Don Orione di Pescara martedì grasso si è festeggiato il Carnevale. Una grande festa durata tutto il giorno dal mattino al pomeriggio.

Tutta la famiglia del Centro ha partecipato, dai dipendenti amministrativi ai riabilitatori sportivi, dai ragazzi della degenza diurna ai loro genitori, dai volontari UNITALSI ai vari amici accorsi per l’occasione, fino alle signore di acquagym che hanno svolto la lezione in acqua con le mascherine!

Costumi, stelle filanti e coriandoli hanno accompagnato tutti i presenti per l’arco della giornata, non c’era salone, refettorio o ufficio che non avesse un tocco di colore in più, tutti avevano un accessorio carnevalesco dalle maschere sul viso alle collanine hawaiane di fiori super colorati.

È stata una giornata speciale che ha regalato l’occasione di ritornare un po’ bambini.

Condividi su:

Mercoledì, 06 Marzo 2019

Seregno - Il laboratorio di Ernesta

Nel contesto del Piccolo Cottolengo di Don Orione di Seregno è emerso il desiderio e la motivazione da parte di numerosi ospiti, di esprimersi attraverso tecniche espressive, la pittura, il disegno e la creatività. Dalle attività espressive svolte fino ad ora, sembra sia stata favorita l’autodeterminazione, lo sviluppo di comunicazione non verbale, il senso di autoefficacia e il benessere nelle persone che ne hanno preso parte.

Così nasce il nuovo progetto “Il laboratorio di Ernesta”, un progetto a cui prendono parte pazienti ed operatori sia della RSD sia della RSA, uno spazio sicuro e intimo per promuovere la libera espressione creativa di ognuno. Gli Strumenti, oltre a quelli di lavoro, consistono in tre pilastri fondamentali per lo sviluppo della creatività: la musica, il gruppo e la relazione.

Condividi su:

Il Piccolo Cottolengo Friulano di Santa Maria La Longa ha una nuova radio, con un progetto ambizioso di inclusione e comunicazione.

Nella trasmissione di venerdì, è stato ospite Stefano Montello, agricoltore da tre anni al Piccolo Cottolengo per il progetto di rilancio dell'azienda agricola "Il Meleretum", antico nome del paese di Santa Maria La Longa: anche questo progetto è stata una scommessa e i rischi assunti agli inizi cominciamo, si può dire proprio in senso letterale, a dare frutti abbondanti.

Dai lavori iniziali di preparazione, al raccolto per la casa, al gruppo di acquisto solidale: piano piano, stagione dopo stagione, il Meleretum con il 2019 è una vera e propria azienda agricola che produce a tutti gli effetti.

"Difficile spiegare cos'è agricoltura sociale: ci sono leggi nazionali e regionali, ma siamo sempre nell'astrattezza" dice Stefano Montello, "più che di agricoltura sociale mi piace parlare di agricoltura di comunità, perché cultura e coltura sono legate dall'etimologia latina del prendersi cura, dei frutti della terra e delle persone". E allora spazio anche agli eventi culturali, come le Quattro Tempora, tre giornate per pregare e meditare sul passaggio delle stagioni.

Ascolta la storia del Meleretum dalla voce dei protagonisti e le proposte per il 2019: segna in agenda il 15 marzo le Tempora dei Fiori!

Condividi su:

Lo scorso fine settimana al Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione c’è stata la festa di Carnevale, una festa fatta davvero in grande! Sono stati tantissimi i volontari, gli animatori, gli amici ed i parenti accorsi per il grande evento. Il sabato è stato il giorno con più afflusso, gli animatori con tutti i volontari si sono adoprati per rendere unica l’atmosfera del salone ricreando Venezia e quel clima carnevalesco da favola. Domenica la festa è proseguita con tutti gli amici delle parrocchie vicine che hanno potuto condividere la gioia di una festa unica!

Alcuni volontari sono accorsi grazie a un tam tam di messaggini su whatsapp, che hanno permesso loro di conoscere la realtà di Santa Maria la Longa e nello specifico il Piccolo Cottolengo friulano. Sono proprio i messaggini di alcuni di questi volontari quelli che pubblichiamo qui di seguito.


“Sorrisi... Sorrisi spontanei, timidi, appena accennati, sorrisi sdentati, sorrisi veri... occhi sgranati, occhi allucinati, occhi pieni di espressioni, occhi che non ti guardano, occhi che sprizzano, occhi spenti ed occhi curiosi… urla di gioia, di canto, di agonia, urla di felicità, urla chiassose... strette di mano toccata e fuga, strette di mano calorose e delle volte timorose... un abbraccio ripetuto più volte, l’invito a sedersi vicini a pranzo o a cena, la domanda se torniamo anche la prossima volta, i messaggi preparatori di questo weekend, una buona colazione fatta di affettati del posto, una struttura immensa ed impeccabile…
Tutto questo è quello che mi sono portato via da questo fine settimana. e che custodirò gelosamente nei miei pensieri, Vi ringrazio tutti per l’opportunità che mi avete dato, di entrare in quel bellissimo posto e lasciarci una parte di me.”


“Insieme, divisi, vicini, lontani, siamo partiti da posti diversi ma con la voglia di vedere con occhi nuovi. Questo ci ha spinto tutti a partecipare a questa festa per farci circondare da quell'affetto puro, da quegli sguardi, anche a volte da quelle urla di sottofondo. Ogni rumore, creava una melodia, una musica, una magia che ci ha accompagnati anche in macchina al ritorno. È stata una giornata dura oggi, ho dovuto ascoltare parole che non volevo, avrei voluto io urlare ma il weekend mi aveva lasciato una pace interiore che mi ha permesso di arrivare a fine giornata con il sorriso... Un piccolo pezzo, ma forse non tanto piccolo del mio cuore è rimasto lì tra le mura, ma il buchino che si è formato, è stato subito riempito dai piccoli pezzi del cuore dei miei compagni di viaggio, di tutti i presenti al Piccolo Cottolengo con cui sono entrata in contatto. Che dono inestimabile ho ricevuto, molto di più di quanto io abbia dato! Vi voglio un mondo di bene, a tutti proprio tutti. Buona notte!”

“Che weekend super... Sono nel pieno di un'esplosione di emozioni. Le lacrime di gioia fanno bene. Mi addormento con voi negli occhi e nel cuore... Grazie vita”

Condividi su:

La Giunta regionale friulana ha rilasciato l'idoneità al funzionamento come residenza protetta per disabili e comunità alloggio allo storico istituto Piccolo Cottolengo di Don Orione, di Santa Maria la Longa.

"Si tratta di un momento di significativa importanza - ha commentato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi - che riconosce il percorso di ristrutturazione e riorganizzazione perpetrato dal Piccolo Cottolengo in questi anni e che oggi lo vedrà operare nel pieno riconoscimento della qualità dei suoi servizi di assistenza".

"È stato riconosciuto - ha evidenziato Riccardi - il grande impegno dei padri Orionini, dei professionisti sanitari e dei volontari che contribuiscono all'attività di questo centro, ormai un luogo simbolo per la sua comunità e per tutto il suo territorio, che ora vede istituzionalizzato il suo funzionamento come residenza protetta per disabili e come comunità alloggio".

La storia del Piccolo Cottolengo Don Orione inizia nel 1944 con una donazione di alcune proprietà, site nel comune di Santa Maria la Longa, ai padri Orionini che, ispirandosi alla carità di Don Orione, assistevano ragazzi orfani e abbandonati spesso con capacità fisiche e psichiche compromesse.

In tempi più recenti, l'istituto, sostenuto da interventi che ne hanno ricomposto l'architettura e riconfigurato l'organizzazione, ha adeguato le strutture all'accoglienza di due tipologie di persone in stato di fragilità. Da una parte, infatti, l'offerta del Piccolo Cottolengo presenta ora una residenza protetta per disabili costituita da tre nuclei che, in totale, possono ospitare fino a 68 persone. Dall'altra parte è stata costituita una comunità alloggio, sempre suddivisa in nuclei abitativi, in questo caso quattro, la cui ospitalità complessiva raggiunge i 52 posti letto.

Il Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione, grazie al sostegno della Regione, nel corso degli anni si è adeguato alle normative in vigore per gli impianti antincendio e la dotazione antinfortunistica, ha attuato interventi per il superamento delle barriere architettoniche, riconvertendo strutturalmente padiglioni, aree residenziali e strutture a supporto dell'attività di assistenza.

Condividi su:

Venerdì, 22 Febbraio 2019

Santa Maria la Longa - Radio Civico 9

Premessa

Il progetto di web radio nasce al Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione con una sperimentazione nell’anno 2017 assieme ad un giovane ospite del Piccolo Cottolengo friulano. In quel contesto nasceva “Radio Cottolenga” con il primario intento di sostenere quel giovane nella sua espressività, nel suo progettarsi e nella sua capacità creativa. Il progetto si ampliò poi con il coinvolgimento di altri ospiti e con puntate radiofoniche a tema che desideravano raccontare ciò che accadeva all’interno del Piccolo Cottolengo.

 

La Web radio del Piccolo Cottolengo oggi: “Radio Civico 9”

“Radio Civico 9” è il programma radiofonico del Piccolo Cottolengo friulano che nel 2019 nasce dal desiderio di alcuni operatori di rilanciare il progetto del web radio coinvolgendo diversi Signori della Casa e ospiti dall’esterno.
Al Piccolo Cottolengo quando si parla delle persone con disabilità si usa il termine “Signori”: non disabili, non svantaggiati, non ospiti né tantomeno utenza. Sono i Signori e le Signore che abitano la Casa e che dal civico numero 9 di Via Ippolito Nievo a Santa Maria la Longa, vogliono far sentire la loro voce. Una voce spesso piccola, molte volte non ascoltata, che fa fatica a emergere nella frenesia del nostro tempo.
La radio allora invita a rallentare, a dare tempo. Vuole essere non soltanto un mezzo di comunicazione delle attività e delle iniziative del Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione, ma anche un modo per i Signori di raccontarsi, di aprirsi verso il mondo, di far sentire la propria unica voce.

Con l’aiuto dell’ascoltatore, attraverso un microfono, gli speaker vogliono diffondere pensieri, desideri, musica e idee; riflessioni libere e spontanee che nascono unicamente dall’immaginazione dei Signori coinvolti.
Certamente si potrebbero spendere numerose righe a riconoscimento della valenza terapeutica e riabilitativa dello strumento radiofonico. Certamente si potrebbero raccontare i programmi ed i percorsi educativi che negli ultimi anni hanno dimostrato come persone con disabilità possano trarre grandi benefici nel partecipare ad attività accompagnate dall’utilizzo della musica, dal dialogo verbale e dall’ascolto radiofonico. Potremmo esaltarne la scientificità sostenendo che sia una attività che coinvolge il soggetto soprattutto a livello cognitivo-emotivo, “riducendone in un certo senso la disabilità e attivando sensazioni di rilassamento, distensione e serenità” (cfr. Granieri E., Professore ordinario del Dipartimento di Scienze biomediche e chirurgico specialistiche).

Tutto vero, tutto possibile. Tuttavia “Radio Civico 9” vuole porsi in una chiave più modesta, a misura di Uomo. Vuole concentrarsi su una Relazione prima di tutto Umana focalizzata sulla promozione della Persona piuttosto che sulla riabilitazione di una patologia specifica.

 

“Civico 9”

Civico 9 simboleggia non soltanto un indirizzo di Via Nievo a Santa Maria la Longa, ma un Luogo simbolo. Il Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione si fa promotore dell’iniziativa radiofonica aprendosi così al territorio e potenzialmente ad ogni casa del mondo che possegga un PC. Questo Luogo non si pone in modo autoreferenziale ed apre le sue porte e le sue frequenze a tutti coloro che ritrovano se stessi nella missione della radio e che desiderano approcciarsi ad un microfono con libertà, semplicità e spontaneità.
La radio è quindi uno spazio sempre aperto a nuove persone, sia del territorio che abitanti del Piccolo Cottolengo, in questo modo questo luogo concreto può diventare espressione di apertura all’altro, di accoglienza e di solidarietà.

 

La squadra

Il gruppo che compone Radio Civico 9 è composto attualmente dai Signori del Piccolo Cottolengo friulano e da volontari, sia operatori del Piccolo Cottolengo che uomini e donne del territorio che hanno preso a cuore il progetto e la sua vocazione.

 

Le trasmissioni

Le puntate radiofoniche andranno in onda sia in forma libera che strutturata nelle giornate di Venerdì, Sabato e Domenica. “Radio Civico 9” conta al momento tre trasmissioni principali:
• “VOCI DI CORRIDOIO” -  L’ascoltatore è accompagnato tra i luoghi e i corridoi del Piccolo Cottolengo, gli verranno raccontate iniziative, attività, novità, gossip ed avventure quotidiane della Casa.

• “STORIE DI NOI” – “Qual è la Tua storia? Ti va di sentire la Mia? Raccontarci e Raccontarsi spontaneamente davanti a un microfono, insieme a te.”

• “CITAZIONI” – Riflessioni libere, citazioni colte, musica per pensare…

• “ALLA TESTA DEI TEMPI” – Racconti, novità, approfondimenti e pensieri orionini attualizzati ai giorni nostri.

 

Come ascoltare “Radio Civico 9”

Nelle giornate di Venerdì, Sabato e Domenica le puntate radiofoniche saranno ascoltabili in formato Podcast:
• dalla piattaforma online di Spreaker, clicca QUI,
• direttamente dalla pagina Facebook “Radio Civico 9” e "Piccolo Cottolengo friulano di Don Orione”,
• oppure dal sito del Piccolo Cottolengo Friulano alla sezione news

In futuro sarà creata un’app apposita per Android e iOS

Condividi su:

Si sono concluse a Pescara le Giornate Adriatiche di Flebolinfologia.
Il Presidente del convegno, il Dottor Nicola Chiulli ha aperto il convegno facendo riferimento alla storia medico-sanitaria di Pescara, con un omaggio alla sua tradizione.
La dottoressa Lucia Della Rovere, direttrice sanitaria del Don Orione di Pescara, ha parlato della storia dell'Istituto Don Orione, e al ruolo che ha avuto storicamente nel recupero della disabilità, che fino a quel momento era relegata nelle case e tenuto nascosto.

Sono arrivati professionisti da altre regioni d'Italia e si è discusso di patologia venoso-linfatica e della loro relazione con le alterazioni della postura.
Anche i terapisti del Don Orione hanno dato il loro contributo con una importante relazione della dottoressa Maria Conte.
I dati emersi sono interessanti, ma c’è ancora da studiare in questo campo.

La partecipazione del pubblico è stata più che soddisfacente sia come numero di presenze, rimasto costante dal mattino al pomeriggio, sia per l'interesse mostrato per gli argomenti trattati.

Condividi su:

Pagina 1 di 38

Cerca nel sito DOI

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica